Le Notizie di Confartigianato Como

Informazioni per le imprese Fisco e Tributi    Notizia generale

IMPOSTA DI BOLLO SULLE FATTURE ELETTRONICHE: PUBBLICATA SUL SITO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE UNA GUIDA OPERATIVA

L’articolo 6 del Dm 17 giugno 2014 disciplina l’assolvimento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche, prevedendo l’obbligo di riportare una specifica annotazione su quelle soggette a tale imposta e disponendo modalità e termini di versamento.

L’annotazione di assolvimento dell’imposta di bollo sulla fattura elettronica avviene valorizzando a “SI” il campo “Bollo virtuale” contenuto all’interno del tracciato record della fattura elettronica.

Periodicamente, l’importo complessivo dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche deve essere versata dal contribuente mediante presentazione di modello F24.

Le regole di funzionamento del nuovo sistema sono disciplinate dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate n. 34958 del 4 febbraio 2021. Il provvedimento indica che, per le fatture elettroniche inviate tramite SdI, l’Agenzia delle Entrate predispone due distinti elenchi, contenenti gli elementi identificativi, rispettivamente:

  1. delle fatture elettroniche emesse e inviate tramite SdI che riportano l’assolvimento dell’imposta di bollo (denominato Elenco A, non modificabile);
  2. delle fatture elettroniche riferite alle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2021, emesse e inviate tramite SdI che non riportano l’assolvimento dell’imposta di bollo ma per le quali emerge tale obbligo (denominato Elenco B, modificabile) sulla base dei criteri soggettivi ed oggettivi descritti nelle specifiche tecniche allegate al già menzionato provvedimento.

Gli elenchi sono disponibili al cedente/prestatore, o al suo intermediario delegato, mediante un apposito servizio web all’interno dell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi nel sito internet dell’Agenzia delle entrate, entro il giorno 15 del primo mese successivo alla chiusura di ogni trimestre solare.

Il cedente/prestatore, o l’intermediario delegato, qualora ritenga che, in relazione ad una o più fatture riportate dall’Agenzia nell’Elenco B, non risultino realizzati i presupposti per l’applicazione dell’imposta di bollo, procede all’indicazione di tale informazione spuntando gli estremi delle singole fatture all’interno dell’Elenco B. Sempre il cedente/prestatore, o l’intermediario delegato, può anche integrare l’Elenco B con gli estremi identificativi delle fatture elettroniche per le quali, ancorché non individuate dall’Agenzia, risulta dovuta l’imposta.

Le modifiche devono essere effettuate entro l’ultimo giorno del mese successivo alla chiusura del trimestre solare di riferimento. Per le fatture elettroniche riferite alle operazioni effettuate nel 2° trimestre solare dell’anno e inviate tramite SdI nel medesimo periodo, le modifiche sono effettuate entro il 10 settembre dell’anno di riferimento.

Sulla base dei dati delle fatture elettroniche indicate negli Elenchi A e B eventualmente modificate, nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi del cedente/prestatore viene calcolato ed evidenziato, l’importo dovuto a titolo di imposta di bollo entro il giorno 15 del 2° mese successivo alla chiusura del trimestre solare di riferimento. Il termine è prorogato al 20 settembre per le fatture elettroniche relative alle operazioni effettuate nel secondo trimestre solare e inviate tramite SdI nel medesimo periodo.

Il cedente/prestatore effettua il pagamento nei termini previsti utilizzando l’apposita funzionalità di addebito in conto corrente disponibile nel servizio web, che prevede obbligatoriamente il pagamento dell’intero importo determinato dall’Agenzia delle Entrate.

In alternativa, il cedente/prestatore effettua il pagamento in modalità telematica tramite modello F24. Il servizio web consente per ciascun trimestre la consultazione dei pagamenti effettuati.

In caso di omesso, carente o ritardato pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche calcolata l’Agenzia trasmette al contribuente una comunicazione elettronica al suo domicilio digitale registrato nell’elenco INIPEC.

Al fine di una corretta gestione dell’obbligo in oggetto si consiglia la consultazione della Guida Operativa dell’Agenzia delle Entrate.


Allegati

VADEMECUM Agenzia entrate per imposta di bollo fatture elettroniche


Print Friendly and PDF