Le Notizie di Confartigianato Como

Informazioni per le imprese    Moda

RIFIUTI TESSILI: IN ARRIVO L’OBBLIGO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA.
Confartigianato ha presentato alla Commissione Europea la richiesta di emanazione di un regolamento Europeo `End of Waste`

Dal 1° gennaio 2022 in Italia sarà obbligatoria la raccolta differenziata dei rifiuti tessili. Il nostro Paese ha infatti anticipato al prossimo anno la scadenza per rispettare questo adempimento previsto per tutti gli Stati membri dell’Ue per il 1° gennaio 2025 dal pacchetto di Direttive europee sull’Economia. circolare.

La gestione dei rifiuti tessili, in un’ottica di economia circolare, ha un’importanza strategica e rappresenta una grande opportunità per le 55.000 micro, piccole e medie imprese che operano nel settore della moda made in Italy (abbigliamento, pelle e tessile) e per i loro 309.000 addetti.

 

In questi giorni - sottolinea Lorenzo Frigerio Presidente di Confartigianato Moda - abbiamo voluto approfondire questo importante tema con un webinar nazionale per fare il punto su questa novità contenuta nel decreto 116/2020 avvalendoci con della competenza di relatori e di testimonial di eccezione. L’occasione del webinar – conclude Frigerio – è stata molto utile per avviare un confronto sulla situazione sul reimpiego degli scarti per produrre nuovo tessuto e nuovi prodotti e sulla necessità che questi materiali vengano valorizzati come materie prime seconde e non come rifiuti. Oltremodo, in un distretto importante come quello della provincia di Como, è fondamentale avere un quadro preciso della situazione, considerando anche che sul nostro territorio abbiamo la grande opportunità di avere una struttura di eccellenza come il Centro Tessile Serico Sostenibile foriero di competenze utili e indispensabili per il nostro settore in questo frangente. Nel contempo, Confartigianato imprese ha presentato ufficialmente alla Commissione Europea la richiesta di emanazione di un regolamento Europeo contenente criteri comunitari di ”End of Waste” per questi flussi di rifiuti con l’obiettivo di garantire una corretta e più fluida circolazione commerciale dei prodotti riutilizzabili ottenuti dal loro trattamento e selezione.



Print Friendly and PDF