Le Notizie di Confartigianato Como

Informazioni per le imprese Lavoro e gestione del personale    Notizia generale

INCENTIVO CONTRIBUTIVO PER RINUNCIA UTILIZZO AMMORTIZZATORI SOCIALI

L`art. 3 del DL n. 104/2020 (cd. 'Decreto Agosto') prevede che ai datori di lavoro, che non richiedono gli ulteriori periodi di cassa integrazione previsti dal medesimo decreto e che abbiano già fruito nei mesi di maggio-giugno 2020 dei trattamenti di integrazione salariale previsti dal DL n. 18/2020 (cd. 'Decreto Cura Italia'), sia riconosciuto un incentivo economico, sotto forma di esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico, fruibile entro il 31 gennaio 2021 (Uniemens dicembre 2020), nei limiti del doppio delle ore di integrazione salariale già fruite nei predetti mesi di maggio e/o giugno 2020.

In concreto, cercando di semplificare al massimo la previsione normativa, il contributo è determinato moltiplicando per due (doppio) l’importo dei contributi sociali a carico del datore di lavoro (con eccezione di alcune specifiche contribuzioni non decontribuibili), calcolati sulla retribuzione che il lavoratore avrebbe teoricamente percepito qualora non fosse stato nei suddetti mesi in Cassa Integrazione.

L`esonero contributivo è subordinato al rispetto:

  • degli obblighi di contribuzione previdenziale, ai sensi della normativa in materia di DURC;
  • delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;
  • degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
  • del divieto di licenziamenti collettivi e individuali per giustificato motivo oggettivo, di cui all`art. 14 del Decreto Agosto.

L`INPS, anche a seguito di intervento da parte di Confartigianato, con proprio messaggio n. 4487 del 27 novembre 2020, ha chiarito che l’incentivo, in presenza dei requisiti previsti, può essere richiesto anche da parte dei datori di lavoro che a maggio e/o giugno 2020 hanno fatto richiesta degli ammortizzatori sociali gestiti da FSBA.



Print Friendly and PDF